L’immunità dello Stato straniero dalla giurisdizione e il diritto dell’individuo di accesso alla giustizia per violazione dei suoi diritti fondamentali

IMMIGRAZIONE: A LAMPEDUSA IN NOTTATA ALTRI 310 CLANDESTINI
L’articolo 3 della CEDU come strumento di tutela degli stranieri contro il rischio di refoulement
30/11/2012
Corte.Penale.Internazionale_Featured.Image.72dpi
La Corte penale internazionale e la repressione delle gravi violazioni del diritto umanitario
01/12/2013
Mostra tutto

L’immunità dello Stato straniero dalla giurisdizione e il diritto dell’individuo di accesso alla giustizia per violazione dei suoi diritti fondamentali

L’immunità dello Stato straniero dalla giurisdizione

Tratto da:

Diritti, principi e garanzie sotto la lente dei giudici di Strasburgo
Collana Studi e Ricerche del Dipartimento di Diritto Pubblico, volume 2
a cura di Luisa Cassetti
2012, Jovene Editore, Napoli

pp. 335-352
E-ISBN: 978-88-243-2118-1

Sommario:

L’articolo affronta la questione del rapporto tra le norme del diritto internazionale generale che obbligano lo Stato del foro a riconoscere l’immunità dalla giurisdizione dello Stato estero convenuto in giudizio e il diritto dell’individuo di aver accesso alla giustizia, nel caso in cui i suoi diritti fondamentali si assumano violati a causa di un comportamento riconducibile allo Stato straniero medesimo. Tale questione è stata oggetto d’esame da parte della Corte Europea dei Diritti Umani a partire da tre noti casi decisi nel 2001, nei quali il ricorrente lamentava la violazione dell’art. 6, par. 1 CEDU, per aver subito un diniego di giustizia a causa dell’impossibilità di convenire in giudizio lo Stato estero.

Il saggio esamina le decisioni sul tema, anche quelle rese dai tribunali interni, evidenziando un atteggiamento di cauta apertura nella più recente giurisprudenza di Strasburgo, che ha consentito alla Corte di Strasburgo di giungere a decisioni capaci di tenere in maggiore considerazione le violazioni dei diritti fondamentali lamentate dai ricorrenti senza, però, spingersi in ricostruzioni relativamente al grado di sviluppo del diritto internazionale consuetudinario. Invero, il contemperamento tra le norme sull’immunità giurisdizionale dello Stato estero e il diritto dell’individuo di accedere alla giustizia in caso di violazione dei suoi diritti fondamentali rappresenta un ambito rispetto al quale il rapporto di reciproca influenza tra decisioni adottate a Strasburgo e giurisprudenza nazionale si palesa secondo un modello atipico e, per questo, ancor più valido a dimostrare quanto ampia sia, oramai, l’efficacia persuasiva esercitata dal sistema CEDU.

compra libro